Il ricordo del tramonto di ieri e quello di oggi !

Tramonto !

Mi sono sempre chiesta se esistono parole per descrivere le emozioni che suscita un simile spettacolo…Credo che, solo un grande poeta ne sarebbe capace. Adoro i tramonti, quanta malinconica e pace, quanti pensieri, è il momento delle riflessioni, dei bilanci della propria vita, dell’incontro con il divino…..Da quando ero piccola, fino al età di 21-22 anni, ho adorato il tramonto nella mi bella città di Durazzo. Dopo avere vissuto una lunga giornata di mare con gli amici si tornava a casa , una doccia veloce un pasto altrettanto simile e mi avviavo per fare la solita passeggiata con la mia migliore amica. A volte i nostri passi erano più veloci perché, il sole, a una certa ora, si sà , va a nanna e noi non potevamo vedere il suo nascondersi dietro quelle bellissime onde lucide e pacifiche del mio mare che li faceva da coperta. Contavamo i secondi accompagnati con il tic-tac del orologio , prendevamo il nostro solito caffè accompagnato a volte con qualche chicco e ci riavviavamo per il ritorno a casa. Era mia abitudine e “legge” di casa che dovevamo essere in casa proprio dopo poco il tramonto.A quei tempi, mi bastava per essere felice.

Godermi il tramonto era la cosa che amavo di più. Non m’importava se ero felice o meno, per me, la cosa che m’importava di più, era non interrompere il rito, fare la mia solita passeggiata e dare il mio saluto al sole, a quel sole che mi ha accompagnato per anni e mi ha fatto sempre riflettere.Per me importante era andare li, a lungo mare per raccontare in silenzio la mia giornata… Il tramonto per me era il momento del bilancio, era raccontare senza parole le mie preoccupazioni di vita, di quella vita che con me non era mai stata generosa, di quella vita che non mi aveva dato quasi nulla, di quella vita che ormai era molto più pesante del mare che generosamente si offriva al sole come nascondiglio.Mi sentivo male quando il sole spariva, a volte mi tenevo le lacrime per non fare vedere la mia sofferenza.Le ombre della notte cominciavano a calare e il cielo prendeva il colore rosso , quel rosso che il sole aveva iniettato mentre scompariva al di la del mare. Un terribile tormento si impossessava di me in quei attimi di distacco con il sole, poi la pace interiore mi avvolgeva e mi abbracciava per darmi la sicurezza e la speranza del domani.Avrei tanto voluto essere felice li, nella città che mi apparteneva dalla nascita, in quella città dove ho imparato a fare i miei primi passi come donna e come una futura artista… ma così non e stato. Mi manca tanto il tramonto del mio mare, il tramonto della mia città.

Il sole ormai da un bel po di anni, si e portato via tutte le mie sofferenze , le mie angosce e le miei insicurezze…

Se le portato con se per sempre nel profondo del mare per custodirle gelosamente.

Ora vivo e mi emoziono in un altro tramonto che non sa della salsedine di mare ma di ari pulita….Lui,  non si nasconde dietro al mare ma dietro il Gran Sasso , è la più alta catena montuosa degli Appennini continentali, è contenuto interamente in Abruzzo  al confine fra le provincia dell’Aquila, di Teramo e di Pescara.Ieri sera era straordinario, il rosso che avvolgeva il cielo dopo il tramonto che mi aveva dato l’ultimo saluto, era incredibilmente straordinario. Alzando lo sguardo verso l’alto, il cielo lo vedevo azzurro , man mano che il mio sguardo scendeva esso si schiariva per poi intravedere le lunghe strisce di nuvole che fuoriuscivano dalla lunga nuvola rosso-porpora, per poi dietro quel celeste turchese meraviglioso che mi tranquillizzava lo sguardo e mi diceva che domani e un altro giorno, che non mi dovevo preoccupare della stanchezza e dei pensieri tristi . Diceva che il domani doveva essere più bello di oggi perché ormai ora ero li , con i miei figli che sguazzavano felici nella piscina appena montata sul terrazzo e che il sole domani mi avrebbe regalato molto generosamente un altra serata spensierata e bella. Ho voluto condividere con voi i miei pensieri e l’emozione dei miei tramonti che fanno parte della mia vita .

Il tramonto e la chiusura per eccellenza della giornata e la speranza del domani.Con l’augurio di splenditi tramonti felici e giornate più lievi di stanchezze e pettegoli, rumori e disaccordi, di giornate meno urlate e sotterfugi vi lascio amici salutandovi con il tramonto del luogo dove vivo ora e credo per il resto della mia vita insieme alle persone che amo.

un affettuoso saluto a tutti ovunque vi troviate.

Anila D.Ciccone

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...